Trattenere la giovinezza PDF Stampa
Hits smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

Due sono le cause più importanti che portano all’invecchiamento delle nostre cellule: una produzione incontrollata dei radicali liberi ed uno squilibrio del ph del nostro corpo e quindi dei suoi organi.

Molti fattori concorrono a ciò e sicuramente alcuni possono essere facilmente individuati in abitudini alimentari errate, nell’inquinamento alimentare, industriale ed elettromagnetico, stress, fumo, droga, alcol, poca attività fisica, pochi interessi anche per il nostro spirito. 

Molti di questi dipendono da noi e possiamo migliorarli.

Un radicale libero è una molecola o un atomo particolarmente reattivo che contiene almeno un elettrone spaiato nel suo orbitale più esterno. A causa di questa caratteristica chimica, sono altamente instabili e cercano di tornare all'equilibrio rubando all'atomo vicino, l'elettrone necessario per pareggiare la propria carica elettromagnetica. Questo meccanismo dà origine a nuove molecole instabili, innescando una reazione a catena che, se non viene arrestata in tempo, finisce col danneggiare le strutture cellulari. La produzione di radicali liberi è un evento fisiologico e si verifica normalmente nelle reazioni biochimiche cellulari, soprattutto in quelle che utilizzano ossigeno per produrre energia; possono, comunque, essere prodotti anche a causa di fattori esterni. Dato che non è possibile impedirne la formazione, il nostro organismo ha elaborato un proprio sistema di difesa in grado di neutralizzare buona parte degli effetti negativi associati alla produzione di radicali liberi. Guardando la vita quotidiana, ci accorgiamo che produciamo, chi più e chi meno, tanti o spesso troppi rifiuti, che avremo cura di smaltire per avere una casa ed un ambiente sempre pulito. Per la raccolta e lo smaltimento, poi,  la società civile si avvale di operatori ecologici e più il servizio è efficiente e più la città è bella, pulita e vivibile. Gli spazzini, per combattere i radicali liberi, sono le vitamine E – A – C, il licopene, l'acido lipoico, il selenio, lo zingo, il rame, in coenzima Q10, la melatonina, i polifenoli, i bioflovanoidi e grazie alla continua ricerca ogni anno viene individuato qualche nuovo elemento. Queste sostanze lavorano bene in sinergia ed ecco perchè è bene avere una alimentazione la più varia possibile: mangiare tutto e di tutto. Infatti alcuni elementi sono maggiormente efficaci in presenza di altri e perdono la loro forza se ingeriti da soli. Si comprende allora quanto sia importante l’alimentazione che si può ricondurre in due semplici regole del come mangiamo e cosa
mangiamo. Infatti dice un vecchio detto: fa una colazione da re, pranza da principe e cena come un mendicante. Come dovrebbe essere composta la nostra alimentazione? Circa un 25% di alimenti a vocazione acida come carne, pesce, formaggi, cereali, uova, ecc… ed un 75% di frutta e verdura. Perché questa regola? Perché il nostro corpo  necessita di un adeguato controllo del suo equilibrio acido-basico. I nostri fluidi corporei hanno valori di ph diversi, per esempio il sangue ha un valore di 7,35/7,45, la saliva una valore che va dal 6,8 al 7,5, la bile, cioè il liquido prodotto dal fegato per favorire la digestione e l'assorbimento dei grassi, ha un valore basico di 7,8 dovendo neutralizzare le secrezioni gastriche acide, Il tuo browser potrebbe non supportare la visualizzazione di questa immagine. mentre nello stomaco c'è un valore di ph compreso tra 1 e 3. La nostra pelle è acida, con un ph 4,3  e ciò per difenderci dall'attacco di virus e batteri. Se questi valori restano confermati il corpo è in salute, se i valori si allontanano cominciamo ad avere problemi. Il nostro corpo ha maturato sistemi di difesa e correzione per mantenere sempre costante l'equilibrio del ph nell'organismo ed ove non riesce a neutralizzare o eliminare gli acidi in eccesso, che dovrebbe avvenire con una alimentazione corretta, (ma chi riesce a rispettare quei parametri?)  accetta mali minori, pur di non compromettere le funzionalità vitali. Il sangue, in modo particolare, non tollera variazioni di ph, dovendo assolvere proprio a tutte le funzioni vitali.  Anche la lotta che il corpo fa per combattere i radicali liberi libera sostanze acide che devono essere eliminate. Con l’età poi i carbonati cominciano e diminuire nel sangue e questo evento va di pari passo con l’invecchiamento delle nostre cellule. Possiamo rallentare questo processo rifornendo di carbonati il nostro sangue e ciò sia migliorando il nostro stile di vita e la nostra alimentazione ma principalmente integrando ciò che manca bevendo acqua alcalina ionizzata. E’ un metodo quanto semplice ed efficace ed aiuta anche a comprendere meglio ciò che succede nel nostro corpo e poi come diceva Michelle Obama, con un corpo sano ed in forma, possiamo sopportare meglio anche piccoli o grandi occasionali stravizi.

 

Gabriella Sperandio - Agenzia di Marketing