F.A.Q. PDF Stampa
Hits smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon
L’acqua alcalina ionizzata è un medicinale?

Assolutamente no. L’acqua alcalina non ha nessun valore nutritivo o medicinale per guarire malattie. Tutto ciò che fa meravigliosamente bene è neutralizzare le scorie acide del corpo, rendendole liquide per essere successivamente eliminate dai reni.

Quali vantaggi avrò  bevendo l’acqua alcalina ionizzata?

E’ buona nel gusto, di conseguenza beviamo di più di quanto beviamo abitualmente ed aiutiamo l’organismo ad alimentare e drenare correttamente le cellule.

Quanta acqua ogni persona dovrebbe bere giornalmente?

Una persona di 65 kg. dovrebbe assumere circa due litri di acqua al giorno.

Se sono in cura e prendo medicine, posso bere l’acqua alcalina?

Certamente, seguire correttamente le prescrizioni mediche, bere acqua alcalina e potrebbe succedere, come spesso avviene, che i valori di riferimento delle analisi cliniche, possano dare un quadro migliorativo ed in questo caso sarà il medico, se lo riterrà opportuno, ad effettuare ritocchi nelle prescrizioni e/o nella quantità dei medicinali.

C’è anche da dire che l’assunzione di medicine porta come effetto collaterale un aumento di acidosi, bevendo acqua alcalina favoriamo un processo di disintossicazione. Bere acqua alcalina è molto salutare quando assumiamo medicinali.

Se faccio digiuno, posso bere acqua alcalina?

Fare digiuno è un’antica e benefica pratica. Può essere di un solo pasto, di un solo giorno o di più giorni. L’ottimale dovrebbe essere da sette a dieci giorni e da effettuarsi nei cambi di stagione (inverno-primavera). Nel periodo di digiuno l’unico alimento consentito è l’acqua che deve essere bevuta in quantità ottimale in quanto l’organismo autoalimentandosi, rilascia tutte le tossine e scorie che ha accumulato. L’acqua alcalina aiuta alla eliminazione delle tossine.

Come è composto l’impianto?

Il sistema prevede due filtri all’ingresso che hanno la funzione di eliminare il cloro, i metalli pesanti, i pesticidi, ormoni e/o antibiotici, batteri, tutte sostanze che possono essere  presenti, anche se in minima traccia, nell’acqua dei nostri rubinetti. Poi c’è il  sistema vero e proprio per la ionizzazione dell’acqua.

E’ previsto un trattamento a monte dell’impianto?

Noi consigliamo di prevedere un impianto aggiuntivo di filtrazione di acqua. Ciò ci consente di avere un’acqua ottimale permettendo  allo ionizzatore alcalino di dare tutto il meglio di sé per una erogazione di acqua ad altissima qualità.

Cosa fa l’acqua alcalina?  
L'acqua alcalina ionizzata contrasta l'iperacidità dei tessuti ed equilibra il bilanciamento acido-basico del corpo. Ove necessario, l'acqua viene arricchita di calcio di coralli di Okinawa.. Il calcio è un minerale molto importante per le ossa e funge da regolatore nel processo elettrolitico del corpo umano.

Come sono le molecole dell’acqua?

L’acqua si presenta in natura in diversi modi di struttura. Quella ottimale per il corpo umano dispone i suoi atomi nella forma classica che possiamo vedere guardando un fiocco di neve al microscopio.  Le molecole d'acqua, aggregandosi, formano i cosiddetti Cluster.  
Acqua potabile = un Cluster ca.15 molecole.

Acqua lonizzata = Un Cluster ca. 5 molecole = acqua più ossigenata. 

Il risultato: abbiamo un'idratazione del corpo sei volte più alta.

Che cos’è il ph?

Ogni sostanza ha un proprio valore di acidità o di basicità  
ll pH è un valore che indica la basicità o acidità di una sostanza.   
A seconda del valore di pH distinguiamo sostanze acide, neutre o basiche (alcaline).  
I valori che vanno da 1 a 7 contraddistinguono l'acidità e da 7 a 14 la basicità. Il valore 7 di separazione rappresenta la neutralità.   
L'acqua è costituita da ioni idrogeno H+ a caratteristica acida e ioni ossidrili OH- a caratteristica basica: quando la concentrazione di questi due ioni è uguale, avremo un'acqua neutra a pH 7; se è presente un eccesso di ioni H+, l'acqua sarà acida e il pH inferiore a 7; in caso contrario il pH sarà superiore a 7 e l'acqua basica.

Quali sono i valori di ph dell’organismo?

Il succo pancreatico 7,80-  il colon 7,90/8,00 –  il succo enterico 7,60 –  il plasma 7,35/7,45 – la bile 7,00 – il latte  7,00 – la cavità orale 6,20/7,20 – urina 4,80/8,00 – sudore 4,00/6,80 – vagina 3,50/4,70 – stomaco 1,20/3,00.

Cosa significa “ionizzare”?  
La ionizzazione avviene quando un atomo o una molecola perde i suoi elettroni o li acquista da un altro atomo. Quando una molecola d’acqua “H2O”, è ionizzata, la molecola si scinde in due parti: lo ione di idrogeno “H+” e lo ione dell’idrossido, OH-. Questi ioni, a loro volta ionizzano i minerali nell’acqua producendo una reazione chimica attiva. Poiché l’acqua produce ionizzazione, senz’acqua il nostro corpo cesserebbe le sue reazioni chimiche. Questo comporterebbe la cessazione della vita.

L’acqua alcalina ionizzata ha un suo sapore?  
L’acqua Ionizzata Alcalina ha un sapore prevalentemente neutro, molto leggero, ma con una lieve e gradevole tendenza al dolciastro, caratteristiche che conferiscono all’acqua un piacevole senso dissetante.

L’acqua alcalina è utilizzata da molto tempo?

L'acqua ionizzata è anche definita AcquaAttiva antiossidante e deacidificante basica e viene utilizzata per uso domestico già dagli anni Ottanta in Russia, Giappone e Corea per la salute, a scopo preventivo. Grazie all'alto valore del pH, l'acqua ionizzata ha ora trovato riconoscimento anche in Europa. In poche parole l'acqua ionizzata favorisce il nostro equilibrio acido-base fornendo un fondamento necessario alla nostra salute.

Esiste in natura?  
L'Acqua alcalina esiste in natura in quantità considerevoli. Purtroppo l’acqua di sorgente non arriva sempre tale nei nostri acquedotti e se ne perde l’efficacia. Può comunque essere rigenerata in maniera molto naturale partendo proprio dall’acqua del nostro rubinetto ed il gusto è di gran lunga migliore rispetto agli altri tipi di acqua potabile. Un gusto morbido, "liquido", che lascia una immediata sensazione di soddisfazione della sete.

L’acqua alcalina ha poteri antiossidanti?

Avendo carenza di anioni negativi ed avendo una eccedenza di cationi positivi cerca attivamente gli acidi determinando così un forte benefico effetto deacidificante. Ciò  porta  a considerare l’acqua alcalina per i suoi valori di tensione negativa (-300/370mv) anche come un ottimo antiossidante ed un litro d’acqua, secondo ricercatori coreani, può essere assimilato al valore antiossidante di quasi dieci limoni.

È adatta l’acqua ionizzata alcalina per chi pratica sport?  
In particolar modo l'alimentazione per lo sportivo dovrebbe tendere al cibo e bevande alcalinizzanti, cercando di ridurre il cibo e bevande acidificanti. Bere acqua ionizzata alcalina aiuta a drenare più velocemente gli accumuli di acido lattico. Durante un’attività fisica intensa, i cataboliti acidi, in caso di grosse quantità, possono ostacolare l'evacuazione dei lattati dai muscoli con prolungamento della fase di recupero. Per questo motivo è opportuna un'alimentazione e un’idratazione con prevalenza di cibi e acqua alcalinizzanti prima e dopo l'attività fisica.

Cosa succede all’acqua in genere se resta per molto tempo ferma (in bottiglia)?  
Ogni acqua è ricca di minerali e questi dipendono dal tipo di terreni dove questa scorre e si forma.   
Ogni minerale ha una propria carica elettrica. Questa carica dipende dai tipi di minerali: gli alcalini hanno una carica che gira verso Sx ( Energia mantenuta) portando l’ossigeno all’interno della cellula (negativa) e i minerali acidi hanno una carica che gira verso Dx. (Energia espansa) portando l’ossigeno all’esterno della cellula (positiva). Quindi se i minerali all’interno dell’acqua rimangono inerti per molto tempo perdono la loro carica elettrolitica rendendo l’acqua in bottiglia un’acqua pigra, poco vitale, spesso morta. L’acqua in realtà perde la sua vibrazione, tipica di ogni elemento vivo. Meglio bere l’acqua di sorgente o l’acqua del rubinetto, che sono sempre in movimento.

Dove sistemo il mio ionizzatore?  
Lo ionizzatore viene collegato all’acquedotto comunale e poi in particolare al rubinetto della cucina.  
Questo perché l’acqua potabile che giunge nelle nostre case non è mai “ferma” ma in
continuo movimento. In questo modo i minerali disciolti nell’acqua sono sempre in piena forza. Tramite lo ionizzatore i minerali basici saranno raccolti per il nostro utilizzo alimentare mentre tutti gli i  minerali acidi saranno convogliati nell’acqua di scarico.

L’acqua acida invece di essere sciupata può essere utilizzata?

Certamente, anzi è buona norma raccoglierla per innaffiare le piante, per disinfettare la frutta e la verdura al posto della amuchina, per sciacquare i capelli al posto del balsamo, per sciacquare tutto il corpo dopo una doccia, per sciacquare le parti intime.

Va bene l’acqua alcalina per cucinare?

E’ un utilizzo formidabile e ciò perché l’acqua del rubinetto è ricca di cloro e di altre sostanze indesiderate e quindi andremo a cucinare con un’acqua anche depurata. Il cloro è bene ricordarlo, è elemento molto tossico e con la bollitura si lega facilmente con altri minerale dando origine a sostanze altamente tossiche. Inoltre gli alimenti in un ambiente basico cuociono più velocemente e meglio. I legumi hanno un tempo di cottura ridotto più della metà.   
L’acqua alcalina ionizzata arriva alla bollitura notevolmente prima di una normale acqua e cosi facendo avremo un ulteriore risparmio energetico.

Posso montare lo ionizzatore da solo? E’ facile da montare?  
Lo Ionizzatore è abbastanza facile da collegare e viene fornito con dettagliate istruzioni in Italiano. Bisogna disporre di una presa di corrente nelle vicinanze del rubinetto per fare il collegamento elettrico. Comunque noi consigliamo di servirsi sempre di un tecnico di fiducia, nel nostro caso del nostro tecnico di fiducia che potrà consigliare la migliore soluzione per un perfetto montaggio.

Lo ionizzatore alcalino è  uno strumento molto, troppo, importante per la nostra salute per non essere trattato almeno con la stessa cura di un normale elettrodomestico.   
Quanto consuma lo ionizzatore d’acqua?  
Il consumo è minimo, i nostri ionizzatori hanno un dispositivo che si inserisce solo quando c’è richiesta l’acqua. Quando lo ionizzatore è a riposo non vi è praticamente alcun consumo elettrico se non il led che segnala che l’apparecchio è acceso.

Ogni quanto tempo dovrò cambiare i filtri?  
Lo Ionizzatore è dotato di un conta litri d’acqua che segnalerà preventivamente quando sostituire gli speciali filtri che sono di nuova generazione, con l’interno in ceramica. Se i filtri non saranno sostituiti l’apparecchio si arresterà automaticamente. Questa funzione è molto importante per la corretta erogazione di acqua di altissima qualità. In una famiglia media si cambieranno i filtri una o due volte l’anno.

E’ costosa la manutenzione e la sostituzione dei filtri?

Assolutamente no, il nostro servizio di assistenza e manutenzione provvede alla sostituzione del filtro con un costo di circa 60 euro, tutto compreso. Formidabile vero?